Un’estate rovente

afa-caldo

Non si parla però del tempo atmosferico, ma di quello che sta succedendo nella filiera delle telecomunicazioni, in particolare fra gli operatori telefonici e i fornitori di tecnologia. Vediamo la torrida lista aggiornata ad oggi:

Ericsson: oltre 200 lettere di licenziamento inviate via PEC il 21 luglio

British Telecom: procedura di licenziamento per 202 addetti su 867

TIM: apertura della procedura di licenziamento collettivo per 382 unità

Nokia: apertura della procedura di licenziamento per 115 dipendenti (81 ALU e 34 Nokia)

Inoltre la recente cessione di ramo d’azienda del call center 133 da Wind Tre a Comdata, le vertenze in ADS (cassa integrazione, cessione di ramo, pagamento stipendi…) completano il quadro di un’estate davvero rovente, in cui a fronte di una fase di investimenti per il settore TLC (introduzione del 5G, banda larga con le gare Infratel, nuovi servizi innovativi, Industry 4.0) si continua a procedere con tagli occupazionali che non hanno nessuna logica di sistema, il tutto nella continua assenza di qualunque piano di politica industriale da parte delle istituzioni, governo, parlamento ed enti locali.

 

Correlati

Leave a Comment