Newsletter settimanale di Rassegna.it – 13 dicembre 2019

news rassegna 13-12-2019

Settimana di mobilitazione per Cgil, Cisl e Uil: i sindacati confederali hanno manifestato il 10 e 12 dicembre a Roma, in piazza Santi Apostoli, ribadendo le loro richieste in vista dell’approvazione della legge di bilancio. Nella protesta del 10 è intervenuto dal palco il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini: “Ricostruiamo il Paese a partire dal lavoro”. Nell’appuntamento del 12 ha parlato il segretario confederale Tania Scacchetti: “Rimettere al centro la questione salariale”.

Sulla legge di bilancio si mobilitano anche i pensionati. Dall’11 dicembre presìdi davanti alla Camera per sostenere le richieste della piattaforma unitaria: “Non siamo invisibili”. I vigili del fuoco sono scesi in piazza il 12 dicembre con un messaggio all’esecutivo: servono ulteriori risorse. Nel frattempo proseguono i tavoli di confronto tra governo e sindacati: il premier Conte incontra le sigle sui temi di pubblico impiego e Sud. Nel primo caso “ci sono risorse per i rinnovi, ma ancora insufficienti”, secondo la Cgil, nel secondo viene prevista una cabina di regia dedicata al Mezzogiorno che partirà a gennaio. I sindacati delle costruzioni incontrano il ministro dello Sviluppo economico Patuanelli: “Le nostre richieste per rilanciare il settore”.

Situazione dell’ex Ilva: conto alla rovescia per lo spegnimento dell’altoforno 2, Re David (Fiom): “Neanche il governo conosce le intenzioni dell’azienda”. In cassa integrazione sono finiti 3.500 dipendenti. Il 10 dicembre è stato il giorno dello sciopero degli operai con manifestazione a Roma “contro un piano irricevibile”. Tutto sulla vertenza.

Sono passati cinquant’anni dalla strage di Piazza Fontana. Nell’anniversario del 12 dicembre 1969 si è tenuta una grande manifestazione a Milano, c’era anche Maurizio Landini: “In piazza per difendere la democrazia”.

Accordi, scioperi e vertenze
Consorzi di bonifica, arriva l’accordo per il rinnovo. C’è l’intesa anche per Anas, aumento di 120 euro. È sciopero in Alitalia: “Il governo rispetti gli impegni”. Scoppia il caso Tirrenia, mille posti a rischio. Torino, una vertenza per invertire il declino. “Sotto l’albero vogliamo lo stipendio”: la protesta dei lavoratori Customer 2 Care all’Aquila. Safilo annuncia 700 esuberi, scatta lo sciopero.

Correlati

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.